Appunti in Viaggio

Ischia: l’isola verde tra arte, natura e divertimento

L’isola più grande della Campania è Ischia, detta anche “l’isola verde” per la sua enorme vegetazione caratterizzata soprattutto dalla grande presenza del pino marittimo. Ischia è splendida in ogni periodo dell’anno: in estate quando è piacevole stare stesi al sole o rinfrescarsi in acqua, a Natale e Capodanno quando ovunque si accendono le luci e si organizzano mostre di presepi artigianali, ma in particolare in primavera, quando il mare brilla di un colore intenso e la natura si risveglia. La prima volta che sono arrivata sull’isola è stato amore a prima vista. Ho sposato un ischitano e dal primo istante che vi ho messo piede, l’ho sentita anche un pò mia. Tutto mi rendeva felice: l’aria, i profumi, i colori, la gente. Ischia è l’isola ideale per le coppie e per le famiglie con bambini. L’isola comprende sei comuni e vale la pena di girarli tutti. Io ho ancora tanto da vedere, nonostante la abbia girata abbastanza. Voglio partire proprio dal Comune di Ischia per parlarvi di questo piccolo gioiello, la parte che sento a me più vicina dato che mio marito ha vissuto proprio in queste zone.

 

Ischia: dalla storia allo shopping ce n’è per tutti i gusti

Il centro storico di Ischia si trova ad Ischia Ponte, bellissima zona dominata dal Castello Aragonese. Il Castello sorge su una cittadella collegata alla terraferma da  un ponte.

Castello Aragonese

Attualmente all’interno sorge un albergo, ma comunque l’edificio è visitabile e si impiegano circa due ore per girarlo tutto. Se venite ad Ischia non potete perdervi una visita a questo incantevole Castello, dal quale da ampie terrazze è possibile ammirare panorami unici.

Vista dal Castello

Il biglietto di ingresso costa 10 euro e un ascensore vi porterà al punto esatto dove inizia il percorso. Tutto è indicato molto bene in modo da consentirvi di non perdere nulla. All’interno c’è anche un bar ristoro e un piccolo Museo delle Torture. Il Castello inoltre è protagonista di una bellissima festa che si svolge ogni anno il 26 luglio, festa di Sant’Anna: l’incendio. E sempre il mese di luglio qui si svolge la rassegna cinematografica “Ischia film festival”, con l’arrivo sull’isola di tantissime celebrità. Altre due feste molto carine sono la “festa di Sant’Alessandro” il 26 agosto, con la sfilata in abiti tipici e la festa del patrono dell’isola “San Giovan Giuseppe” che si svolge nel mese di settembre caratterizzata dallo sbarco dei Saraceni sulla spiaggia dei pescatori e i fuochi a mare. La zona dunque è, come avrete capito, paesaggisticamente meravigliosa. E’ bello passare un poco di tempo sul pontile, a guardare il mare e i pescatori che tornano con le proprie barche dopo aver pescato. Merita una visita  anche la Baia di Cartaromana, dominata dalla Torre di Michelangelo e raggiungibile con un taxi boat. La zona è famosa per la sua acqua termale praticamente gratuita. Qui si viene più per questo che per il sole dato che tramonta presto.

Dal pontile vista su Cartaromana

Ritornando al centro storico, questo è pieno di localini, gelaterie e negozietti . Se avete tempo è molto carino da visitare, soprattutto per i bambini, il “Museo del mare”, una bella esposizione di tutto ciò che riguarda il mare, dalle conchiglie alle imbarcazioni.

Museo del Mare

Un posto molto caratteristico, invece, è la Mandra o spiaggia dei pescatori. Un alternarsi di barchette colorate e panni stesi ad asciugare al sole danno a questo posto un fascino unico. In estate c’è un caos che è meglio tenersene lontani, ma in primavera è meraviglioso e la vista sul Castello è unica. Da qui raggiungete l’ex carcere, dove oggi si celebrano matrimoni civili o si fanno mostre temporanee. Una bellissima terrazza con panchine è il posto ideale dove rilassarsi.

Panchina vista Castello

Poi, attraverso Via Champault, raggiungete il lungomare Cristoforo Colombo dove sorgono stabilimenti balneari e belle spiagge attrezzate. Seguendo la strada si arriva su Via Roma, la strada famosa per le sue boutique e lo shopping. In questa zona c’è anche la pineta dove passare qualche ora con i bambini. L’isola è proprio per le famiglie in quanto accontenta un poco tutti. Via Roma la sera è piena di gente che passeggia, tanto che a volte in estate non si riesce neanche a camminare. La strada conduce al porto dove molti giovani si riuniscono nei tanti locali lungo la Riva Destra. E’ qui che la sera dunque c’è una bella movida, tra musica e aperitivi. Un locale molto carino dove organizzano un Happy Hour coi fiocchi è il “Caffè Morelli” che si trova in via Antonio Sogliuzzo.

Qui con 8 euro si gode di un aperitivo e si ha accesso all’intero buffet davvero molto ricco.

Happy hour al “Bar Morelli”

E per il divertimento notturno i giovani amano incontrarsi al “Valentino” , discoteca molto famosa. Per chi ama il cinema invece basta organizzarsi ed andare a vedere un film al cinema “Excelsior”. Infine i bambini possono assistere a vari spettacoli teatrali o dei burattini in Via Edgardo Cortese, ad opera di varie compagnie. Insomma avrete capito che il cuore pulsante dell’isola si trova in questa zona, centro importante per quanto riguarda la storia, le distrazioni, le spiagge e i divertimenti.

 

Cosa mangiare a Ischia

Partiamo dal presupposto che sull’isola si mangia benissimo e per tutte le tasche, dal panino alla cena a base di pesce. Io conosco molto bene soprattutto i locali del Comune di Ischia in quanto ci passo tanto tempo, dunque voglio partire da qui. Vicino al Castello Aragonese, vi consiglio di fare un salto alla pasticceria Trani per un bel dolcetto. Il dolce tipico di Ischia è la “delizia al limone”. Per i miei gusti comunque la migliore delizia la trovate al Bar Vittoria nella piazzetta, lungo corso Vittoria Colonna. Anche i cornetti qui sono buonissimi, ma meritano soprattutto quelli del “Bar Calise” a Piazza degli Eroi, aperto anche la notte.

I cornetti del Calise

Qui è buona anche la pizza da mangiare poi sulle botti esterne. Di fronte al Calise non perdetevi il gelato dell’ “Atelier delle dolcezze Maglio”, gusti particolari e sempre freschi e di qualità. Per quanto riguarda spuntini veloci e saporiti, dovete assolutamente assaggiare la “zingara”, due fette di pane grigliate e farcite con prosciutto crudo, fior di latte, pomodoro, lattuga e maionese. La migliore zingara potete assaggiarla nel locale “La Virgola”, sempre affollatissimo. Pare proprio che sia nata qui la zingara a fine anni 70, complice il pane cafone di Boccia. Entrate in questa panetteria e non ve ne pentirete: il pane più buono che io abbia mai mangiato. Vi segnalo anche un altro posticino carino dove mangiare la sera e che ha tavolini all’esterno: “U scuncill”, zingara buona e ingredienti di qualità a costo contenuto. Un posticino che invece ho provato l’estate scorsa è il “Porca Vacca”, una Steak House dove gustare panini giganteschi e carne di qualità.

Panino al “Porca Vacca”

I due locali che vi ho citato si trovano ad Ischia Ponte, che la sera è più tranquilla e meno affollata di Via Roma, la strada dello shopping. Un altro pub che io adoro tantissimo è “M9 Airline”, in Via Sogliuzzo: tappa obbligata per un panino e una birretta in compagnia. Per quanto riguarda una cena a base di pesce, io ho mangiato molto bene sia da “Cocò”, proprio sotto al castello che da “Ciccio”, sempre lì vicino ma più economico. Se invece volete cenare in un posto romantico vi consiglio “Duilio” sul lungomare Cristoforo Colombo. Per quanto riguarda la pizza, il locale che amo tanto perché utilizza ottimi prodotti e fa un impasto super è “La Capannina” a Campagnano. Qui si può mangiare anche un ottimo coniglio all’ischitana, il piatto tipico di Ischia. Buona anche la pizza alla “Luna Rossa”, che ha un locale molto carino con terrazza e da “Umberto” su Via Roma. Per quanto riguarda qualche altro locale che vale la pena citare, vi segnalo “La Tinaia” a Forio e “Il Ritrovo” a Panza che fanno una pizza buonissima. Molto caratteristico invece per una cena romantica è “L’Arca”, a picco su uno sperone roccioso in località Serrara Fontana.

 

Casamicciola, grande centro termale

Se c’è una cosa che amo di Ischia, è che ogni giorno c’è da fare qualcosa di diverso. L’isola è grande, conta all’incirca 60.000 abitanti. Calcolate che per fare il giro dell’isola in auto o anche in autobus, si impiega su per giù un’ora. Per scoprire l’isola vi consiglio proprio di fare questo: noleggiare un auto o uno scooter e girarla tutta. Al porto di Ischia potete noleggiare un mezzo per i vostri spostamenti. Per arrivare sull’isola si può anche imbarcare l’auto, ma attenzione: i campani possono imbarcare solo in alcuni periodi dell’anno per evitare troppo afflusso. L’alternativa è l’autobus ma per me è una sfacchinata o anche un taxi ma costicchia. Il primo Comune che si incontra è Casamicciola Terme, famosa soprattutto per l’azienda di maioliche Mennella. Eh sì perchè sull’isola la lavorazione della ceramica, poi dipinta a mano, è qualcosa di veramente sentito. Quella che vi ho citato è una delle fabbriche più importanti e vi consiglio di farci un salto. Personalmente non amo Casamicciola in quanto, a parte qualche negozietto e il Calise, che fa una pizza buona, non c’è molto. Qui trovate soprattutto alberghi, alcuni dai prezzi molto convenienti. Il mare non è un granché per la presenza del porto. Quello che invece è importante qui, è il turismo legato alle terme; in particolare mi riferisco al Parco termale Castiglione di cui di seguito vi lascio il link http://www.termecastiglione.it/ .Vi segnalo anche una zona molto carina dove pare sia molto bella l’acqua del mare…dico pare perchè io non ho ancora avuto occasione di andarci: la spiaggia di “Bagnitiello”, Per gli amanti del trekking infine, valutate una passeggiata nel Bosco della Maddalena, che ha uno degli accessi proprio nelle vicinanze del Castiglione.

 

Lacco Ameno e Forio: shopping e tanto mare

Continuando il nostro giro dell’isola, incontriamo Lacco Ameno, che è davvero molto carina e più tranquilla rispetto ad altre zone di Ischia. Lacco Ameno è famosa per un’attrazione in particolare: lo scoglio di tufo a forma di fungo nel bel mezzo del mare e chiaramente visibile dalla zona della passeggiata.

Il fungo di Lacco Ameno

Inoltre nel Comune di Lacco Ameno si trova, a mio avviso, il più bell’albergo a cinque stelle dell’isola, ossia il “Regina Isabella”, famoso per avere ospitato tanti divi della musica e del cinema anche internazionale. Oltre alla passeggiata tra negozietti, si può visitare anche il Museo Archeologico Pithecusae e la vicina Chiesa di Santa Restituta. Nel Museo è custodita anche la Coppa di Nestore, il più antico frammento poetico in lingua greca, mentre nella Chiesa è stato trovato un cimitero paleo-cristiano. La spiaggia più bella di Lacco Ameno è la “Baia di San Montano”, famosa tra l’altro per il bellissimo complesso termale “Negombo”.

Complesso termale Negombo

Le terme sono molto belle e sono le mie preferite proprio per il paesaggio che le circonda. Qui potete attingere tutte le info sul complesso termale http://www.negombo.it/. Noi di solito veniamo qui nei periodi tranquilli, tipo giugno, mese in cui si gode pienamente la bellezza di questo posto. L’acqua qui è splendida ed il fondale non è profondo, dunque è molto adatto alle famiglie con bambini.

Da Lacco Ameno, in poco tempo, si raggiunge Forio, bellissimo centro pieno di negozietti e di splendidi panorami. Forio ha un piccolo porticciolo dove attraccano anche gli aliscafi. Il Comune è famoso soprattutto per una splendida Chiesa a picco sul mare: La Chiesa del Soccorso.

Chiesa del Soccorso

L’edificio di colore bianco, situato alla cima di una scala, è dedicato alla Madonna della Neve e da qui si gode di una vista fantastica e panoramica, si scorgono per esempio “gli scogli innamorati”.

Sogli innamorati

All’interno la Chiesa è piccina ma molto carina. Qui sono convolati a nozze molti personaggi famosi. Il centro di Forio è molto bello da girare a piedi, vi consiglio di dedicarvi qualche ora rilassante. Forio è famosa anche per altre attrazioni che vi consiglio di visitare. Tra queste vi segnalo “I giardini la Mortella”, un immenso orto botanico da visitare soprattutto nel periodo dell’esplosione dei colori, quindi in primavera. Qui trovate tutte le info per l’eventuale visita http://www.lamortella.org/. Vicino ai Giardini, c’è anche la splendida spiaggia di San Francesco, luogo incantevole dove l’acqua è sempre bellissima.

Spiaggia di San Francesco

La spiaggia invece dove spesso vanno i giovani è “Cava dell’isola”. Qui il sole lo si gode fino alla sera, ma ci sono da fare tanti gradini per raggiungerla. Non ci sono stabilimenti balneari e quindi bisogna attrezzarsi bene. Ed infine c’è la spiaggia di “Citara”, tra sabbia e scogli. La spiaggia è famosa soprattutto perché adiacente ad essa c’è il complesso termale “Poseidon”. Queste sono le terme più belle e meglio gestite dell’isola. Il biglietto non costa poco ma ne vale sicuramente la pena. Qui ci sono tutte le info se vi va di passarci una giornata http://www.giardiniposeidonterme.com/. Forio ha tanto da offrire ai turisti. Io vi consiglio dunque per un soggiorno di valutare o il Comune di Ischia o quello di Forio, per unire divertimento, arte, mare e shopping.

 

Da Sant’Angelo a Serrara Fontana

Il piccolo gioiellino di Ischia, famoso per la sua piazzetta molto chic, è Sant’Angelo. Questa forse è la zona più rinomata, meta del turismo italiano e internazionale, dove troviamo lussuose boutique, ristoranti e bar.

La costa a Sant’Angelo

Per quanto sia bella la zona, la sua spiaggia a me non piace rispetto ad altre, a mio avviso, più belle. Da Sant’Angelo è possibile, con il noleggio di una barca, andare a visitare “le fumarole” o anche “Sorgeto”, terme naturali dove l’acqua in alcuni punti è talmente calda, che molti pare cuociano le uova sode.

Il promontorio di Sant’Angelo

In posizione panoramica, dopo una breve salita, c’è la Chiesa di San Michele Arcangelo, al quale è dedicata una festa il 29 e 30 settembre. Da quassù si gode di una bellissima vista. Seguendo la stradina in un quarto d’ora si arriva alla spiaggia dei Maronti, la striscia di sabbia più lunga di Ischia. Per chi è interessato ai centri termali, a Sant’Angelo c’è ne sta uno piccolo ma molto carino: “il Tropical”. Sant’Angelo è deliziosa, piccola e molto chic e ricorda un poco Capri per il suo turismo di élite. Da Sant’Angelo vi consiglio di arrivare a Serrara, dove si gode di un bellissimo panorama dal belvedere di Serrara appunto.

Belvedere di Serrara Fontana

Qui nel mese di agosto si svolge una sagra che riscuote grosso successo: la sagra della salsiccia. Se volete ammirare uno splendido tramonto è qui che dovete attenderlo impazienti.

Tramonto da Serrara

Da Fontana, invece, c’è la salita più comoda al Monte Epomeo, circa 800 metri sul livello del mare.Io non avevo ancora la bambina quando ho deciso di fare un’escursione qui col mio allora fidanzato Cristiano.

Il percorso per salire al Monte Epomeo

La salita è molto ripida ed è faticosa e richiede almeno un’ora, ma il panorama da lassù è il più bello dell’intera isola.

Dalla cima dell’Epomeo

Vi consiglio scarpe adeguate e non scivolose e acqua a volontà da bere. In cima c’è un bar ed è consuetudine di molti ragazzi aspettare l’alba accampati lassù. Per gli amanti delle passeggiate questa è sicuramente una bella esperienza da vivere. Il bello di Ischia è proprio questo: è un’isola eclettica che permette di fare le esperienze più diverse.

 

Info utili e curiosità

  • Un detto dice “A Ischia si mangia, si beve e si fischia”. Il detto si riferisce ai tipici fischietti di Ischia, fatti di terracotta e molto carini da regalare per buon augurio.

    Fischietti di Ischia

  • Non puoi andare ad Ischia e non comprare il limoncello. Il migliore è quello della marca “Sapori di Ischia”, diffida dalle imitazioni.
  • E’ possibile fare il giro dell’isola con la compagnia “Capitan Morgan”…se avete tempo è una bella escursione.
  • Per arrivare a Ischia ci sono due soluzioni: il traghetto della compagnia Caremar o Medmar che parte da Porta di Massa a Napoli o da Pozzuoli e che impiega circa un’ora e quaranta minuti; l’aliscafo della compagnia Alilauro che parte da Molo Beverello e che impiega circa 40 minuti. E’ possibile imbarcare l’auto sul traghetto per i non residenti in Campania sempre, per i residenti in Campania solo in alcuni mesi dell’anno. Io consiglio sempre di evitare di imbarcare l’auto e scegliere una struttura centrale dalla quale è possibile muoversi a piedi o con i mezzi pubblici. Questo tenendo conto anche dei pochi parcheggi ed abbastanza salati. Eventualmente ad Ischia Porto è possibile noleggiare auto o scooter.
  • Io non ci sono ancora stata, ma comunque voglio parlarvene. Se vi piacciono i panorami mozzafiato, non perdetevi la “Scarrupata”, una spiaggia di sassi e un mare trasparente. Qui c’è solo un ristorante dove pranzare e che noleggia lettini e ombrelloni. Si arriva in barca oppure attraverso un sentiero sconsigliato a chi soffre di vertigini. Prima o poi ci andrò anche io!
  • Pare che l’acqua di Ischia abbia degli effetti molto benefici, tanto è vero che alle sorgenti di Nitrodi molti vadano per curare anche dei problemi alla pelle come dermatiti oppure gastriti ed ulcere. Se vi va di visitare le sorgenti, nel Comune di Barano, tutte le informazioni le trovate qui http://www.fonteninfenitrodi.com/it/.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.